Medicina Mayr

La medicina Mayr propone un metodo olistico, che comprende cioè l’intero organismo, e la sua cura mira a risvegliare le forze di autoguarigione tramite riposo e sanificazione dell’intestino e conseguente disintossicazione.

Le Fondamenta

Il Dr. med. Franz Xaver Mayr (1875–1965) è il fondatore della diagnostica e della terapia che porta il suo nome. Medico e ricercatore austriaco, riconobbe il ruolo centrale dell’apparato digestivo per la salute dell’organismo.
Fu tra i primi a dedicarsi all’esplorazione e allo studio dell’intestino e capì che è fondamentale per l’organismo e ne costituisce le “radici” senza le quali non può svilupparsi rigorosamente. Un accurato occhio clinico ed una costante perseveranza terapeutica portarono F.X. Mayr a curare migliaia di pazienti, raggiungendo un notevole grado di popolarità nei paesi di lingua tedesca, e a fondare prima una scuola, poi un’associazione di medici Mayr, che tutt’oggi sorveglia attentamente la formazione e l’attività di tutti i suoi membri.
Mayr ha dedicato l’intera vita ad osservare e documentare le variazioni individuali e ha elaborato un concetto di salute molto più severo rispetto alla medicina tradizionale. “Sano” non significa quindi semplicemente “non malato”, ma in pieno possesso delle proprie forze fisiche e psichiche: normopeso, senza alcun dolore o fastidio, senza alcun segno interno od esterno di alterazione. “Salute” è quindi una meta da desiderare, difficilmente raggiungibile. La neurogastroenterologia moderna conferma essenzialmente i pensieri di Mayr.

4 pilastri di un templio greco

4 pilastri: Riposo, Pulizia, Rigenerazione, Insegnamento.

La terapia Mayr utilizza i quattro principi (riposo-pulizia-rigenerazione-insegnamento) contemporaneamente, per disintossicare l’intestino, interrompendo la produzione di tossine, questo permette di rigenerare e purificare sangue, cellule e tessuti.

Riposo: Il riposo del sistema digestivo e di tutto l’organismo permette di recuperare le energie per l’autoriparazione e la rigenerazione. Svolgere un’attività minima, consente anche di attivare il processo di disintossicazione.
Pulizia: La pulizia comprende la disintossicazione dell’intestino e dei tessuti attraverso l’assunzione di sali purganti che eliminano le scorie intestinali e ne impediscono il riassorbimento. Il trattamento addominale manuale fornisce un ulteriore supporto alle attività di disintossicazione.
Rigenerazione: La terapia ripristina e rigenera completamente il corpo e la mente prevenendo l’insorgenza di malattie e adottando un approccio consapevole nei confronti del proprio sistema digestivo.
Insegnamento: Durante la cura si acquisisce la consapevolezza per mantenersi in salute attraverso una cultura alimentare equilibrata ed una riscoperta del senso di sazietà e si impara ad ascoltare le necessità del proprio corpo.


Alimentazione e Digestione

Un’alimentazione equilibrata considera un’attenta scelta di cibi freschi, il meno trattati possibile e ricchi di sostanze nutritive ma deve anche tenere conto della tolleranza alimentare, della capacità digestiva e delle esigenze personali. Per questo una dieta “giusta” sec. Mayr non può che essere individuale, frutto di una scelta accurata e della capacità di ascoltare le proprie esigenze corporee.
Una buona digestione inizia nella bocca con una lenta masticazione fino alla fluidificazione del cibo e termina con l’emissione quotidiana di feci formate e che non sporcano, senza sensazioni fastidiose lungo l’intero tragitto. Nelle feci sane non vi sono resti di cibi mal digeriti, non vi è gas, né muco, né sono troppo dure o liquide.
Qualsiasi differenza è segno di alterazioni nel tratto digestivo. L’emissione di gas per esempio è segno di eccessiva fermentazione nell’intestino, diarrea e feci frammiste con muco denotano irritazioni, feci maleodoranti rivelano processi di putrefazione


Tutto ciò è dovuto alle sostanze prodotte dall’intestino sovraccarico e mal funzionante, queste non vengono tutte eliminate da fegato, reni, pelle o tramite l’alito dai nostri polmoni (anch’essi sovraccarichi) ma alcune vengono assorbite dal nostro organismo e causano i malesseri più svariati a seconda della sede dove agiscono e/o si depositano.
Quando questo processo si ripete ogni giorno per lunghi periodi, e le capacità di eliminazione del nostro organismo vengono superate, nell’interstizio (cioè lo spazio fra le singole cellule, presente in tutto il corpo) il deposito di scorie (sostanze nutritive in sovrappiù, tossine, metalli pesanti ed altre sostanze non digeribili) disturba il microcircolo, cioè la rete di vasi sanguigni capillari dove avviene lo scambio gassoso (ossigeno – anidride carbonica) e metabolico (sostanze nutritive – scorie).
Questo intasamento dei tessuti deteriora alla lunga la funzionalità del tessuto stesso: a secondo della sede avremo disturbi d’organo (cuore, rene, fegato etc.) e di apparati (articolazioni, muscoli, tendini, vasi).



differenza tra interstizio di un individuo sano e quello di un organismo sovraccaricato e con accumulo di tossine

5 Errori Cardinali

  • mangiare troppo velocemente
  • mangiare troppo (non avvertiamo quando siamo sazi)
  • mangiare troppo spesso (fuori pasto)
  • mangiare troppo pesante (troppi grassi, troppe proteine)
  • mangiare troppo tardi.


silouette dei diversi addomi secondo la medicina mayr

I Disturbi

La diagnostica secondo Mayr distingue in pance prevalentemente da gas, da feci o forme miste.

La figura a destra, per esempio, presenta una pancia globosa dovuta non tanto al grasso, ma alla dilatazione dell’intestino per eccessiva formazione di gas. Questo determina il rialzo del diaframma, il torace si allarga sia lateralmente, sia come diametro antero-posteriore. Di conseguenza il collo sembra più corto, il cuore viene spinto in alto e riceve così meno sangue. Questo determinerà il colorito rossastro del viso e il fiato corto.

Le alterazioni della circolazione e il calo della funzione di pompa del cuore possono causare ipertensione arteriosa. Infine, una parziale paralisi del palato molle, dovuto alle scorie che intasano i tessuti molli, determina il fastidioso russare, ma anche vere e proprie apnee notturne. La maggiore richiesta di spazio da parte dell’intestino rigonfio di gas ha conseguenze anche per la colonna vertebrale, che è “costretta” ad inarcarsi soprattutto a livello lombare (lordosi). La distribuzione del (sovra)peso non è più fisiologico sulle singole vertebre e causa dolori e degenerazione precoce (spondiloartosi, ernia del disco etc.).


david

Le patologie che trovano giovamento dalla cura Mayr sono molteplici con svariati meccanismi d’azione.

Intestino: viene messo a riposo; ha la possibilità di guarire da croniche irritazioni e di tonificare i tratti paralitici; rigenera la sua mucosa e rinnova le sue funzioni di assorbimento, di eliminazione, di transito e di autopulizia.
Addome: normalizza il suo volume con benefici quasi immediati per la respirazione (abbassamento del diaframma con aumento del volume respiratorio) e per la colonna vertebrale (correzione della lordosi lombare e cervicale).
Torace: con l’abbassamento del diaframma le costole ruotano verso basso/dentro; lo sterno ritorna in posizione parallela alla colonna (non più sporgente sul piano anteriore); il cuore assume una posizione più allungata con la punta verso basso/avanti; migliora la propria irrorazione e la sua contrattilità.
Fegato/reni: non devono più elaborare ed eliminare sostanze tossiche prodotte nell’intestino da ristagno fecale e sovraccarico digestivo; non sono più compressi dall’intestino dilatato, ricevono quindi più sangue con più ossigeno e possono lavorare meglio.
Organi pelvici: comprendono la vescica e gli organi sessuali. Con il normalizzarsi del volume addominale e la correzione di una eventuale lordosi lombare diminuisce anche la pressione/tensione esercitata sulla vescica e gli organi sessuali interni, soprattutto femminili. Questo spiega un notevole beneficio sulla diffusa incontinenza urinaria femminile, ma anche una migliore irrorazione e funzionalità dei genitali interni; oltre alla normalizzazione della sede, è soprattutto la disintossicazione dei tessuti da scorie e tossine a migliorare la funzionalità dei genitali con aumento della fertilità e diminuzione di disturbi mestruali o menopausali p.es: una migliore irrorazione a livello pelvico, aumenta inoltre la funzione sessuale maschile e femminile e diminuisce la predisposizione ad infezioni urinarie e genitali (vaginiti, prostatiti).
Apparato locomotore: scorie e detriti depositati soprattutto nelle capsule articolari e nei tendini causano dolore, irritazione e fragilità. I dolori si attenuano, muscoli e tendini si tonificano.
Pelle/capelli: una migliore circolazione sanguinea determina un ritorno del colorito ad un sano roseo, aumenta la tonicità della pelle ed evita la formazione di rughe anche con importanti cali ponderali; i capelli diventano più sani e folti, sempre per effetto di una migliorata irrorazione.
Umore: le sostanze tossiche prodotte dall’intestino agiscono anche a livello cerebrale; durante la cura si assiste quindi ad un risolversi di malumori e stati di stanchezza cronica e di irritabilità; aumenta la capacità di memoria e di concentrarsi; migliora l’efficienza psico-fisica in toto.





Per qualsiasi perplessità o quesito, non esitate a contattare la dottoressa, sarà lieta di rispondervi non appena possibile.